Cerca
  • Cilento Holiday

Imposta di soggiorno per strutture ricettive di Agropoli

Il Sindaco dott. Adamo Coppola e l’Assessore al Bilancio, Tributi e Patrimonio, dott. Roberto Antonio Mutalipassi, ricordano che le strutture ricettive, prima del pagamento dell’imposta di soggiorno, devono essere munite del titolo autorizzatorio all’esercizio dell’attività e che i titolari delle stesse, riscuotendo la tassa dai turisti, assumono la funzione di “incaricato di un pubblico servizio”, precisamente di “agente contabile” e, pertanto, devono sottostare alle stesse responsabilità di qualsiasi funzionario che maneggia denaro pubblico.


Il gestore della strutte ricettiva è tenuto a comunicare al Comune, entro il ventesimo giorno dalla fine di ciascun bimestre di applicazione dell’imposta, il numero di coloro che hanno pernottato nel corso del bimestre precedente, nonché il relativo periodo di permanenza con espressa indicazione di quelli esenti.


Si applicherà dal 1 Giugno al 30 Settembre di ogni anno, nelle strutture ricettive: alberghiere, extralberghiere, all’aria aperta, agriturismi ed i bed & breakfast, per tali intendendosi: alberghi, residenze turistico-alberghiere, villaggi turistici, affittacamere, case e appartamenti per vacanze, case per ferie, ostelli per la gioventù, country house, case religiose di ospitalità, agriturismi, campeggi, aree attrezzate per la sosta temporanea ed i b&b, ubicate nel territorio del Comune di Agropoli.


MAGGIORNI INFO > CLICCA QUI






3 visualizzazioni
  • White Facebook Icon
  • White Instagram Icon

© 2019 

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now